Progetto “Beneducato”


Image
Il progetto prende nome da un furgone Fiat Ducato, da noi riallestito e trasformato in “Biblioteca Sociale Mobile”.

Nonostante il bisogno delle cose basilari – un riparo, cibo, vestiti – abbiamo assistito da parte delle comunità locali in stato di disagio, quali aree terremotate delle Marche, Lazio ed Abruzzo, comunità terapeutiche, carceri, comunità alloggio per migranti e richiedenti asilo, ad un desiderio molto forte di imparare e di mettere tempo e abilità, da usare per la ri-costruzione di identità perdute o smarrite da stati contingenti ma angoscianti di smarrimento del soggetto in stato di disagio.

Di fronte ad una lotta apparentemente senza fine per il riscatto sociale ed ad un’incertezza scoraggiante, abbiamo visto come il nostro Ducato-Biblioteca Sociale Mobile, alias BeneDucato, ha fornito un contributo per il riaffermarsi della speranza e la sconfitta dell’isolamento attraverso una semplice ma preziosa occasione di esprimersi, con corsi di scrittura creativa, cinematografia di base, fotografia, pittura , i pasti condivisi e la comune speranza di un futuro migliore.

Il nostro obiettivo è semplice: andare dove dobbiamo e fare ciò che possiamo, creare spazi per l’apprendimento e la comunità per persone che sentono il bisogno, o la necessità, di esprimersi attraverso l’arte in tutte le sue declinazioni e condividere emozioni per formarsi professionalmente e ri-formarsi nella propria esistenza.

Per questo, nel nostro Ducato itinerante, cerchiamo di coltivare uno spazio di apprendimento e creatività, un luogo in cui coltivare la mente, quella parte di noi che non può mai essere tenuta prigioniera, un luogo in cui gli obiettivi e l’ambizione possono essere risolti, indipendentemente dalla triste realtà del presente attraverso:

•Risorse per l’apprendimento di nozioni di base sui processi creativi ( scrittura creativa, cinematografia, fotografia, pittura ) e tutoraggio informale di piccoli gruppi

Consulenza sui vari percorsi universitari e di candidatura ad occasioni lavorative connesse alle attività svolte

•Uno spazio per laboratori creativi e workshops guidati dal team di “Beneducato

Il nostro nome, così come alludere al luogo in cui tutto ha avuto inizio, un furgone Ducato, parla di quelle cose che siamo determinati a coltivare:

Formazione. Comunità. Speranza. Opportunità.

Speriamo di trasformare i siti in cui lavoriamo da luoghi di stagnazione e attesa, talvolta purtroppo di resa, in luoghi in cui i sogni e la speranza rimangono vivi.